- Partecipazioni -

Grafico partecipate
Nel rispetto di quanto previsto dall’oggetto sociale all’art. 4 dello Statuto, La Finanziaria Trentina, sin dalla sua costituzione, ha provveduto “…mediante la costituzione di nuovi veicoli di investimento con particolare riguardo a investimenti mirati nel settore delle utilities…”, ad investire nel settore energia attraverso una sub-holding specificatamente dedicata al settore.

FT Energia S.p.A. – controllata

La società ha un Patrimonio Netto superiore ai 23 milioni di Euro ed è controllata da La Finanziaria Trentina con una quota del 58,93%. I restanti soci sono prevalentemente azionisti della controllante che, vista la rilevanza del progetto, hanno desiderato entrare direttamente nell’investimento. Ad oggi la società detiene 2 partecipazioni attive.

Dolomiti Energia Holding S.p.A.

www.gruppodolomitienergia.it

L’asset più rilevante di FT Energia S.p.A. è la partecipazione dell’11,87% in Dolomiti Energia Holding S.p.A., una delle principali multiutility italiane per volume d’affari, nata nel 2009 dall’aggregazione con Trentino Servizi S.p.A., multiutility trentina che gestisce la distribuzione e la vendita di energia elettrica e gas, nonché altri servizi minori (il ciclo idrico, il ciclo ambiente, cogenerazione, ecc..). Il Gruppo Dolomiti Energia dal 2008 controlla 2 Joint Venture con i più rilevanti produttori nazionali Enel (ora sostituita dal Fondo australiano Macquarie) ed Edison dove sono state conferite tutte le concessioni idroelettriche di grande derivazione rilasciate in Trentino, per una potenza installata complessiva di circa 1.500 MW. Il processo di riorganizzazione del comparto energetico trentino ha riportato ai soggetti locali il controllo strategico del settore idroelettrico e dell’intera filiera dell’energia elettrica, dalla produzione alla vendita finale, affiancando ai soggetti di emanazione pubblica, una serie di soggetti privati, di cui FT Energia è il più rilevante con un ruolo attivo nella governance, ove esprime 3 consiglieri tra cui il Vice Presidente, anche membro del Comitato Esecutivo.
Il Gruppo Dolomiti Energia si configura pertanto come la più grande società trentina, con un Patrimonio Netto consolidato di quasi 1 miliardo di Euro e un volume d’affari prossimo a 1,5 miliardi di Euro.

Lighting Venice Port S.r.l.

FT Energia ha investito, a fine 2018, in Lighting Venice Port S.r.l., società di scopo creata a seguito dell’aggiudicazione della concessione per l’illuminazione del Canale di Malamocco nella Laguna di Venezia, bandita dall’Autorità Portuale mediante project financing ai sensi del D.lgs. N. 163/2006, per la durata di 25 anni. L’iniziativa, nata nel 2014 dal gruppo Ladurner e dalla società Elenia, specializzata in impianti energetici marini, si è realizzata tramite la sostituzione di 345 punti luci posti lungo i 15 chilometri del Canale di Malamocco, primo punto di accesso per le navi in ingresso a Porto Marghera. La Finanziaria Trentina, tramite la società controllata FT Energia, ha successivamente investito nell’iniziativa con una quota del 20% ora controllata da Alea Energia, società detenuta da Elettra Investimenti S.p.A. di Latina, operante nel settore energetico e quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana.

La Finanziaria Trentina, nel corso degli anni ha esteso il proprio ambito di operatività al settore industriale, affiancando l’imprenditoria locale in progetti di espansione o di riassetto societario, spesso necessari in occasione di passaggi generazionali, dando il proprio supporto finanziario in una fase di stretta creditizia. L’emanazione industriale del management della società garantisce una buona mappatura delle iniziative di pregio sul territorio in cui investire con quote di minoranza e preferibilmente in affiancamento di operatori finanziari di dimensione nazionale o internazionale.

Marangoni Meccanica S.p.A. – collegata

www.marangonimachinery.com

A fine giugno 2019 La Finanziaria Trentina ha investito in Marangoni Meccanica S.p.A. (di seguito “M-Meccanica”), società fondata nel 1965 e produttrice di impianti per il confezionamento di pneumatici, con un particolare focus su agricoltura e OTR (off the road).

La società ha sede a Rovereto, dove è presente lo stabilimento produttivo su un sedime di complessivi 25 mila m2. A seguito di un periodo di difficoltà, dovuto inizialmente ad iniziative lontane dal core business e a tensioni finanziarie, la società ha predisposto un piano di turnaround al fine di intraprendere un percorso di crescita autonomo ed indipendente dalla precedente Capogruppo Marangoni S.p.A.

In questo contesto, La Finanziaria Trentina si è resa disponibile a partecipare a una ricapitalizzazione di M-Meccanica per una quota del 40%, insieme ad un investitore finanziario altoatesino, Alpenring S.r.l. con una quota del 40% ed alla finanziaria di un ramo della famiglia Marangoni, che ha sempre gestito la società, con il restante 20%. A seguito del riassetto societario vi è stata una profonda riorganizzazione interna che ha coinvolto sia gli organi sociali, ove vi è stata la nomina di un nuovo Amministratore Delegato, sia le principali funzioni aziendali.

Dental Liquid Kapital S.r.l. – collegata

La Finanziaria Trentina, a settembre 2019, è entrata nel business delle cliniche dentali con un’operazione che la vede investita nella società Dental Liquid Kapital S.r.l., holding di 17 cliniche dentali e 2 laboratori odontotecnici, con un’importante partecipazione di minoranza pari al 36,6%.

La restante parte del capitale sociale della società fa capo a Gallmetzer Holding S.r.l., società con sede a Bolzano, fondata nel 2007, che opera nel settore dentale attraverso diverse società partecipate che si occupano di vendita all’ingrosso e al dettaglio di materiale odontotecnico, odontoiatrico, dentistico, sanitario e di cosmetici, nonché nel settore estetico, distributivo e produttivo.

L’entrata de La Finanziaria Trentina in Dental Liquid Kapital ha apportato un’importante iniezione di liquidità che consentirà alla società di procedere con il rafforzamento della propria posizione sul mercato attraverso l’acquisizione di partecipazioni di maggioranza in nuove cliniche dentali, lo sviluppo di nuove politiche commerciali ed il rafforzamento della struttura organizzativa.

SOIL S.p.A. – collegata

La Finanziaria Trentina, a fine 2020, è entrata nel settore alimentare e zootecnico investendo nel business dei prodotti biologici.

La Finanziaria Trentina, assieme ad altri soci finanziari e industriali, ha costituito SOIL S.p.A. sottoscrivendo una quota del 31% del capitale sociale. SOIL si è aggiudicata dalla procedura fallimentare l’acquisto del ramo di azienda di “The Organic Factory S.p.A.”, società operante nella produzione di prodotti biologici da spremitura di semi oleosi per il mercato alimentare e zootecnico italiano ed estero.

L’entrata de La Finanziaria Trentina ha permesso la salvaguardia e la continuità industriale di uno dei più importanti impianti di spremitura di semi oleosi presenti in Italia ed in Europa.

Aral Due S.r.l. – partecipata

La Finanziaria Trentina, nel corso del 2020, ha finalizzato l’investimento in un’azienda specializzata nella realizzazione di profili per rivestimenti, raccordo igienico, pavimenti e ferramenta/fai da te, aderendo ad un’iniziativa promossa dal fondo di private equity “Gradiente II”, gestito da Gradiente SGR.

L’operazione è stata portata a termine tramite l’acquisizione del 100% della società Arcansas, con sede a Piagge (PU), utilizzando un apposito veicolo destinato alla successiva fusione, in parte tramite risorse proprie ed in parte tramite leva bancaria, mantenendo il coinvolgimento dell’attuale management con una partecipazione del 40%. Aral Due detiene indirettamente il 60% di Arcansas e rappresenta una holding di investitori e promotori ove La Finanziaria Trentina detiene il 12,23%.

L’obiettivo dell’operazione è di cogliere le numerose e importanti opportunità di crescita offerte dal settore, consolidando la leadership della società nel canale GDO e incrementando la penetrazione all’interno del canale tradizionale, anche attraverso l’acquisizione e l’integrazione di operatori complementari attivi in ambito internazionale.

Lefay Resorts S.r.l. – partecipata

www.lefayresorts.com

La Finanziaria Trentina, a fine 2017, ha investito nel settore luxury wellness, sottoscrivendo un Aumento di Capitale della holding Lefay Resorts S.r.l. deputata allo sviluppo del marchio Lefay e di una serie di Resorts ubicati nel Nord Italia.

Lefay nasce nel 2006 con l’obiettivo di diventare il brand italiano di riferimento nel mercato della vacanza wellness di lusso, attraverso la creazione di una collezione di Eco-Resort 5 stelle “luxury” in location uniche, ispirata ad un concetto di benessere, dove il core dell’offerta è rappresentato dall’esperienza nella SPA. I Resort sono disegnati e realizzati sulla base di un concetto di sostenibilità ambientale, con elevata qualità e naturalezza dei materiali utilizzati.

Il Gruppo Lefay con Capogruppo la holding Lefay Resorts, in cui ha investito La Finanziaria Trentina con una quota del 12% in affiancamento alla famiglia Leali, detiene il 100% delle prime 2 iniziative:

  • Lefay Resort Garda S.r.l., che gestisce il Resort di Gargnano, di cui detiene anche la proprietà immobiliare, aperto nel 2008 e ad oggi a pieno regime, con 93 camere;
  • Lefay Resort Dolomiti S.r.l. che gestisce il Resort di Pinzolo, inaugurato a fine 2019 ed oggi a pieno regime, con 88 camere e 22 residenze interne, per le quali è già iniziata con successo la commercializzazione.

La strategia di espansione del Gruppo Lefay prevede la realizzazione di tre Resort 5 stelle L (lago, montagna e campagna) in Italia e la successiva espansione internazionale nell’arco alpino, con opportuni contratti di management.

Trigon S.p.A. – partecipata

www.step.it

La Finanziaria Trentina, ad inizio 2018, ha investito nel settore dell’e-procurement per il settore retail mirato agli istituti di credito, assicurazioni e telecomunicazioni, aderendo ad un’iniziativa promossa dalla società di advisory Cassiopea Partners S.r.l. L’operazione è stata portata a termine tramite l’acquisizione del 100% della società Step S.p.A., con sede a Rottofreno (PC), utilizzando un apposito veicolo destinato alla successiva fusione, in parte tramite risorse proprie ed in parte tramite leva bancaria, mantenendo il coinvolgimento dell’attuale management con una partecipazione del 55%. Trigon pertanto detiene il 45% di Step e rappresenta una holding di investitori e promotori ove La Finanziaria Trentina detiene il 5,78%.

Ladurner Ambiente S.p.A. – partecipata

www.ladurnerambiente.it

È la holding del gruppo operativa nel settore waste to energy (produzione di energia da rifiuti), una delle principali realtà impiantistiche specificatamente dedicata alla costruzione e gestione di impianti di smaltimento rifiuti e di depurazione delle acque con un focus particolare sugli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Il gruppo ha sviluppato una particolare tecnologia per la gestione della frazione organica dei rifiuti, che permette, attraverso un processo accelerato di digestione anaerobica, la produzione di biogas, utilizzabile per la produzione di energia elettrica e termica.

Negli ultimi anni la società è stata interessata da una serie di modifiche nell’assetto societario che hanno riguardato, nel 2016, l’ingresso del gruppo cinese Zoomlion e nell’anno successivo la cessione da parte dello stesso della divisione environment ad una cordata di operatori industriali-finanziari cinesi, con capofila il gruppo Infore (51%). Recentemente la società ha ceduto alcuni impianti del settore waste to energy ad una società di scopo controllata da Snam Rete Gas S.p.A., rimanendo focalizzata sulla progettazione di impianti e la realizzazione e commercializzazione di compattatori per la raccolta di rifiuti urbani.
La Finanziara Trentina detiene una quota del 4,91% del capitale sociale.

GPI S.p.A. – partecipata

www.gpi.it

La società è la holding di un gruppo di società che operano prevalentemente nel settore della sanità, offrendo soluzioni informatiche per le strutture sanitarie pubbliche e private e che rappresenta uno dei più rilevanti players del settore con una quota di mercato superiore al 10%. Il gruppo GPI è operativo su tutto il territorio nazionale con numerose filiali, e da alcuni anni sta perseguendo uno sviluppo internazionale, potendo contare su oltre 4.000 dipendenti.

L’investimento da parte de La Finanziaria Trentina è avvenuto per il tramite dell’acquisto di azioni di Capital for Progress 1 S.p.A., SPAC (Special Purpose Acquisition Company) quotata sul mercato AIM della Borsa di Milano, che ha successivamente perfezionato la fusione per incorporazione in GPI a fine 2016.

La Finanziaria Trentina detiene una quota dell’1,26% del capitale sociale.

Aquafil S.p.A. – partecipata

www.aquafil.com

La Finanziaria Trentina, che era precedentemente investita in TH Co-Invest S.C.A., società che deteneva, nel 2017, tramite il veicolo TH IV il 9% del capitale di Aquafin Capital, società capogruppo di Aquafil S.p.A., ha nel corso del 2019 acquistato in più tranches azioni Aquafil, quotate in Borsa Italiana sul segmento STAR, a seguito della business combination con la SPAC Space3, fino a raggiungere una quota dello 0,44%.

Aquafil S.p.A. dal 1969 è uno dei principali attori, in Europa e nel mondo, nella produzione di fibre sintetiche utilizzate sia nella pavimentazione che nell’abbigliamento. Il Gruppo, con i suoi 500 milioni di Euro di giro d’affari, è punto di riferimento per qualità, innovazione e nuovi modelli di sviluppo sostenibile e dal 2008 ha creato la Business Unit Energy & Recycling, che si pone al servizio di tutte le strutture produttive del Gruppo e, attraverso il prodotto Econyl, promuove l’utilizzo di materie prime da riciclo.

Il Gruppo è presente nel mondo con oltre 2.900 dipendenti e con 16 stabilimenti in 3 continenti (Europa, America, Asia) e in 7 Paesi (Italia, Slovenia, Croazia, Regno Unito, Stati Uniti, Thailandia e Cina).

Fin dai primi anni di operatività, la società ha investito nel settore infrastrutture, come richiamato dall’ art. 4 dello Statuto Sociale “… assunzione di partecipazioni con particolare riguardo a investimenti mirati nei settori delle infrastrutture e nelle aziende ad essi connesse …“, con l’obiettivo di partecipare a grandi progetti legati allo sviluppo di reti infrastrutturali lungo un asse strategico come quello del Brennero.

Interporto Servizi S.p.A. – collegata

Trattasi della società di servizi del gruppo Interbrennero (vedi investimento sotto), operativa presso la struttura interportuale ubicata a Trento Nord. La società, partecipata al 45,22% da La Finanziaria Trentina e controllata da Interbrennero S.p.A. con il 54,78%, ha avuto un ruolo guida nella costruzione, gestione ed allocazione di capannoni ed uffici nel moderno “Pianeta Logistica”. Il compendio, situato nell’area interportuale di Trento, dispone di una superficie coperta pari a circa 35 mila mq suddivisi in magazzini (32 mila mq) e uffici (3 mila mq), dove trovano collocazione i principali operatori commerciali all’ingrosso del territorio. Ad oggi, Interporto Servizi ha in proprietà circa 10 mila mq del citato compendio e 5 moduli magazzino situati in posizione limitrofa e in cui è ubicata l’attività di alcuni operatori locali.

Logos Progetti S.r.l. – collegata

La Finanziaria Trentina, a settembre 2019, ha investito nel settore della logistica del “freddo” attraverso l’acquisizione del 30% delle quote di Logos Progetti S.r.l.

Logos Progetti è conduttrice in leasing di uno stabile adibito ad uso produttivo e destinato alla conservazione di prodotti alimentari surgelati, costruito nel 2010, in zona artigianale ed industriale della città di Verona, perfettamente inserite nel polo logistico del Nord-Est.

L’entrata de La Finanziaria Trentina nella società è finalizzata all’acquisto di due terreni, adiacenti all’attuale compendio immobiliare, sui quali realizzare un nuovo stabilimento al fine di triplicare l’attuale piattaforma logistica di gestione del freddo (stoccaggio a temperature tra i -18°C ed i -28° C) e metterla a disposizione di un primario operatore industriale.

Interbrennero S.p.A. – partecipata

www.interbrennero.it

È la società di gestione situata presso l’area interportuale di Trento Nord, operativa sia nella gestione immobiliare delle principali aree, tra cui l’autoporto, sia nel settore intermodale, per effetto dell’attività di handling, del trasporto combinato su rotaia e dei servizi di autostrada viaggiante.

La società è controllata dalla Provincia Autonoma di Trento con una quota pari a circa il 63%, mentre La Finanziaria Trentina è investita con una piccola quota pari allo 0,42%.

Ad oggi Interbrennero, nonostante il ridimensionamento del volume dei flussi registrato negli ultimi anni, continua ad essere un’importante struttura nazionale specializzata nel traffico intermodale, che fungerà da area di sbocco per le merci che transitano lungo l’asse del Brennero, una volta ultimato il Tunnel del Brennero che collegherà l’Italia con l’Europa continentale via rotaia.

Sviluppo Aree Sciistiche S.p.A.- partecipata

www.ski.it

Si tratta del veicolo societario costituito nell’estate 2017, su iniziativa del socio industriale Funivie Madonna di Campiglio S.p.A., al fine di presentare alla curatela del fallimento Aeroterminal, avente ad oggetto l’acquisto del 68,99% del capitale di Valli di Sole Peio e Rabbi S.p.A. e del 3,94% del capitale di Funivie Folgarida Marilleva S.p.A.

A seguito della positiva aggiudicazione e di una serie di acquisizioni successive di quote azionarie minori, ad oggi Sviluppo Aree Sciistiche S.p.A. detiene oltre il 50% di Funivie Folgarida Marilleva.

Il progetto ha una grande valenza industriale e territoriale, e per tali motivi il socio industriale Funivie Madonna di Campiglio (che ora detiene circa il 70% del capitale) ha coinvolto in Sviluppo Aree Sciistiche sia una compagine di operatori locali (circa il 15%) sia 5 istituzioni finanziarie trentine, tra cui La Finanziaria Trentina, intervenute con quote paritetiche del 3% circa.

Obiettivo di lungo termine, sarà quello di giungere ad un unico soggetto giuridico, focalizzato sull’area delle Dolomiti di Brenta e operativo nella gestione del carosello SkiArea Campiglio che ad oggi dispone di 100 piste estese per 150 km, il 95% delle quali dotate di innevamento programmato, con 60 impianti di risalita, 4 snowpark e piste attrezzate per lo sci in notturna, che ad oggi ospitano oltre 2 milioni di turisti l’anno in costante crescita.

A completamento del proprio portafoglio investimenti, La Finanziaria Trentina ha destinato una limitata parte delle proprie risorse ad iniziative di venture capital sul territorio, a supporto dell’industrializzazione delle ricerche scientifiche/tecnologiche locali in partnership con soci del settore. Tali investimenti sono perseguiti mediante la partecipata Trentino Invest.

Trentino Invest S.r.l. – partecipata

www.trentinoinvest.it

La società è stata costituita a fine 2012 e rappresenta una joint-venture tra operatori finanziari trentini per investimenti sul territorio in società ad alto potenziale di crescita, ma che per la loro struttura patrimoniale faticano ad accedere al credito bancario. La Finanziaria Trentina detiene una quota del 12%, dopo una riorganizzazione societaria che ha visto, a fine 2018, l’ingresso nella compagine di Fondazione Caritro e Agriduemila e la sottoscrizione di un Aumento di Capitale effettuato sia da parte dei soci fondatori (Trentino Sviluppo, La Finanziaria Trentina, ISA e Fincoop) che dai nuovi soci. La quota detenuta dalla finanziaria pubblica locale (Trentino Sviluppo) non garantisce poteri sulla governance, che è riservata ai soli soci privati. La società non è dotata di personale dipendente, ma affida in outsourcing ai propri soci le attività necessarie al suo funzionamento.

Ad oggi la società ha portato a compimento due investimenti, uno in Alia Therapeutics S.r.l., start-up italiana per la cura delle malattie genetiche che ha come obiettivo primario quello di sviluppare nuove cure per patologie genetiche incurabili causate dalla mutazione di un singolo gene ed il secondo, partito a fine 2017, mediante la sottoscrizione di una serie di aumenti di capitale di Walliance S.p.A., società tecnologica trentina che gestisce una piattaforma di equity crowdfunding nel settore immobiliare (terza in Italia per campagne crowdfunding concluse con successo).

È poi stato erogato un prestito, con possibilità di conversione in equity, a Nano Tech Projects S.r.l., società che opera nel settore della diagnostica per immagini d’urgenza.

Grafico partecipate

Energia

Nel rispetto di quanto previsto dall’oggetto sociale all’art. 4 dello Statuto, La Finanziaria Trentina, sin dalla sua costituzione, ha provveduto “…mediante la costituzione di nuovi veicoli di investimento con particolare riguardo a investimenti mirati nel settore delle utilities…”, ad investire nel settore energia attraverso una sub-holding specificatamente dedicata al settore.

FT Energia S.p.A. – controllata

La società ha un Patrimonio Netto superiore ai 23 milioni di Euro ed è controllata da La Finanziaria Trentina con una quota del 64,93%. I restanti soci sono prevalentemente azionisti della controllante che, vista la rilevanza del progetto, hanno desiderato entrare direttamente nell’investimento. Ad oggi la società detiene 2 partecipazioni attive.

Dolomiti Energia Holding S.p.A.

www.gruppodolomitienergia.it

L’asset più rilevante di FT Energia S.p.A. è la partecipazione dell’11,87% in Dolomiti Energia Holding S.p.A., una delle principali multiutility italiane per volume d’affari, nata nel 2009 dall’aggregazione con Trentino Servizi S.p.A., multiutility trentina che gestisce la distribuzione e la vendita di energia elettrica e gas, nonché altri servizi minori (il ciclo idrico, il ciclo ambiente, cogenerazione, ecc..). Il Gruppo Dolomiti Energia dal 2008 controlla 2 Joint Venture con i più rilevanti produttori nazionali Enel (ora sostituita dal Fondo australiano Macquarie) ed Edison dove sono state conferite tutte le concessioni idroelettriche di grande derivazione rilasciate in Trentino, per una potenza installata complessiva di circa 1.500 MW. Il processo di riorganizzazione del comparto energetico trentino ha riportato ai soggetti locali il controllo strategico del settore idroelettrico e dell’intera filiera dell’energia elettrica, dalla produzione alla vendita finale, affiancando ai soggetti di emanazione pubblica, una serie di soggetti privati, di cui FT Energia è il più rilevante con un ruolo attivo nella governance, ove esprime 3 consiglieri tra cui il Vice Presidente, anche membro del Comitato Esecutivo.
Il Gruppo Dolomiti Energia si configura pertanto come la più grande società trentina, con un Patrimonio Netto consolidato di quasi 1 miliardo di Euro e un volume d’affari prossimo a 1,5 miliardi di Euro.

Lighting Venice Port S.r.l.

FT Energia ha investito, a fine 2018, in Lighting Venice Port S.r.l., società di scopo creata a seguito dell’aggiudicazione della concessione per l’illuminazione del Canale di Malamocco nella Laguna di Venezia, bandita dall’Autorità Portuale mediante project financing ai sensi del D.lgs. N. 163/2006, per la durata di 25 anni. L’iniziativa, nata nel 2014 dal gruppo Ladurner e dalla società Elenia, specializzata in impianti energetici marini, si è realizzata tramite la sostituzione di 345 punti luci posti lungo i 15 chilometri del Canale di Malamocco, primo punto di accesso per le navi in ingresso a Porto Marghera. La Finanziaria Trentina, tramite la società controllata FT Energia, ha successivamente investito nell’iniziativa con una quota del 20% ora controllata da Alea Energia, società detenuta da Elettra Investimenti S.p.A. di Latina, operante nel settore energetico e quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana.

Industria

La Finanziaria Trentina, nel corso degli anni ha esteso il proprio ambito di operatività al settore industriale, affiancando l’imprenditoria locale in progetti di espansione o di riassetto societario, spesso necessari in occasione di passaggi generazionali, dando il proprio supporto finanziario in una fase di stretta creditizia. L’emanazione industriale del management della società garantisce una buona mappatura delle iniziative di pregio sul territorio in cui investire con quote di minoranza e preferibilmente in affiancamento di operatori finanziari di dimensione nazionale o internazionale.

Marangoni Meccanica S.p.A. – collegata

www.marangonimachinery.com

A fine giugno 2019 La Finanziaria Trentina ha investito in Marangoni Meccanica S.p.A. (di seguito “M-Meccanica”), società fondata nel 1965 e produttrice di impianti per il confezionamento di pneumatici, con un particolare focus su agricoltura e OTR (off the road).

La società ha sede a Rovereto, dove è presente lo stabilimento produttivo su un sedime di complessivi 25 mila m2. A seguito di un periodo di difficoltà, dovuto inizialmente ad iniziative lontane dal core business e a tensioni finanziarie, la società ha predisposto un piano di turnaround al fine di intraprendere un percorso di crescita autonomo ed indipendente dalla precedente Capogruppo Marangoni S.p.A.

In questo contesto, La Finanziaria Trentina si è resa disponibile a partecipare a una ricapitalizzazione di M-Meccanica per una quota del 40%, insieme ad un investitore finanziario altoatesino, Alpenring S.r.l. con una quota del 40% ed alla finanziaria di un ramo della famiglia Marangoni, che ha sempre gestito la società, con il restante 20%. A seguito del riassetto societario vi è stata una profonda riorganizzazione interna che ha coinvolto sia gli organi sociali, ove vi è stata la nomina di un nuovo Amministratore Delegato, sia le principali funzioni aziendali.

Dental Liquid Kapital S.r.l. – collegata

La Finanziaria Trentina, a settembre 2019, è entrata nel business delle cliniche dentali con un’operazione che la vede investita nella società Dental Liquid Kapital S.r.l., holding di 17 cliniche dentali e 2 laboratori odontotecnici, con un’importante partecipazione di minoranza pari al 36,6%.

La restante parte del capitale sociale della società fa capo a Gallmetzer Holding S.r.l., società con sede a Bolzano, fondata nel 2007, che opera nel settore dentale attraverso diverse società partecipate che si occupano di vendita all’ingrosso e al dettaglio di materiale odontotecnico, odontoiatrico, dentistico, sanitario e di cosmetici, nonché nel settore estetico, distributivo e produttivo.

L’entrata de La Finanziaria Trentina in Dental Liquid Kapital ha apportato un’importante iniezione di liquidità che consentirà alla società di procedere con il rafforzamento della propria posizione sul mercato attraverso l’acquisizione di partecipazioni di maggioranza in nuove cliniche dentali, lo sviluppo di nuove politiche commerciali ed il rafforzamento della struttura organizzativa.

Lefay Resorts S.r.l. – partecipata

www.lefayresorts.com

La Finanziaria Trentina, a fine 2017, ha investito nel settore luxury wellness, sottoscrivendo un Aumento di Capitale della holding Lefay Resorts S.r.l. deputata allo sviluppo del marchio Lefay e di una serie di Resorts ubicati nel Nord Italia.

Lefay nasce nel 2006 con l’obiettivo di diventare il brand italiano di riferimento nel mercato della vacanza wellness di lusso, attraverso la creazione di una collezione di Eco-Resort 5 stelle “luxury” in location uniche, ispirata ad un concetto di benessere, dove il core dell’offerta è rappresentato dall’esperienza nella SPA. I Resort sono disegnati e realizzati sulla base di un concetto di sostenibilità ambientale, con elevata qualità e naturalezza dei materiali utilizzati.

Il Gruppo Lefay con Capogruppo la holding Lefay Resorts, in cui ha investito La Finanziaria Trentina con una quota del 12% in affiancamento alla famiglia Leali, detiene il 100% delle prime 2 iniziative:

  • Lefay Resort Garda S.r.l., che gestisce il Resort di Gargnano, di cui detiene anche la proprietà immobiliare, aperto nel 2008 e ad oggi a pieno regime, con 93 camere;
  • Lefay Resort Dolomiti S.r.l. che gestisce il Resort di Pinzolo, inaugurato a fine 2019 ed oggi a pieno regime, con 88 camere e 22 residenze interne, per le quali è già iniziata con successo la commercializzazione.

La strategia di espansione del Gruppo Lefay prevede la realizzazione di tre Resort 5 stelle L (lago, montagna e campagna) in Italia e la successiva espansione internazionale nell’arco alpino, con opportuni contratti di management.

Trigon S.p.A. – partecipata

www.step.it

La Finanziaria Trentina, ad inizio 2018, ha investito nel settore dell’e-procurement per il settore retail mirato agli istituti di credito, assicurazioni e telecomunicazioni, aderendo ad un’iniziativa promossa dalla società di advisory Cassiopea Partners S.r.l. L’operazione è stata portata a termine tramite l’acquisizione del 100% della società Step S.p.A., con sede a Rottofreno (PC), utilizzando un apposito veicolo destinato alla successiva fusione, in parte tramite risorse proprie ed in parte tramite leva bancaria, mantenendo il coinvolgimento dell’attuale management con una partecipazione del 55%. Trigon pertanto detiene il 45% di Step e rappresenta una holding di investitori e promotori ove La Finanziaria Trentina detiene il 5,78%.

Ladurner Ambiente S.p.A. – partecipata

www.ladurnerambiente.it

È la holding del gruppo operativa nel settore waste to energy (produzione di energia da rifiuti), una delle principali realtà impiantistiche specificatamente dedicata alla costruzione e gestione di impianti di smaltimento rifiuti e di depurazione delle acque con un focus particolare sugli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Il gruppo ha sviluppato una particolare tecnologia per la gestione della frazione organica dei rifiuti, che permette, attraverso un processo accelerato di digestione anaerobica, la produzione di biogas, utilizzabile per la produzione di energia elettrica e termica.

Negli ultimi anni la società è stata interessata da una serie di modifiche nell’assetto societario che hanno riguardato, nel 2016, l’ingresso del gruppo cinese Zoomlion e nell’anno successivo la cessione da parte dello stesso della divisione environment ad una cordata di operatori industriali-finanziari cinesi, con capofila il gruppo Infore (51%). Recentemente la società ha ceduto alcuni impianti del settore waste to energy ad una società di scopo controllata da Snam Rete Gas S.p.A., rimanendo focalizzata sulla progettazione di impianti e la realizzazione e commercializzazione di compattatori per la raccolta di rifiuti urbani.
La Finanziara Trentina detiene una quota del 4,91% del capitale sociale.

Dedagroup Stealth S.p.A. – partecipata

www.dedagroup.it

È una società nata a fine 2016 da uno spin-off promosso dal gruppo Dedagroup, tramite il conferimento di un ramo d’azienda in cui è inserito il sistema ERP (Enterprise Resource Planning) denominato Stealth, gestionale che integra i principali processi di business dell’industria dell’abbigliamento e dell’accessoristica oggi leader del mercato italiano, con l’obiettivo di un’importante crescita all’estero. Ad oggi, La Finanziaria Trentina detiene una piccola quota del 2,50%.

GPI S.p.A. – partecipata

www.gpi.it

La società è la holding di un gruppo di società che operano prevalentemente nel settore della sanità, offrendo soluzioni informatiche per le strutture sanitarie pubbliche e private e che rappresenta uno dei più rilevanti players del settore con una quota di mercato superiore al 10%. Il gruppo GPI è operativo su tutto il territorio nazionale con numerose filiali, e da alcuni anni sta perseguendo uno sviluppo internazionale, potendo contare su oltre 4.000 dipendenti.

L’investimento da parte de La Finanziaria Trentina è avvenuto per il tramite dell’acquisto di azioni di Capital for Progress 1 S.p.A., SPAC (Special Purpose Acquisition Company) quotata sul mercato AIM della Borsa di Milano, che ha successivamente perfezionato la fusione per incorporazione in GPI a fine 2016.

La Finanziaria Trentina detiene una quota dell’1,26% del capitale sociale.

IdeaMI S.p.A. in liquidazione – partecipata

www.ideamispac.com

La Società, vista la positiva esperienza maturata con le SPAC, ha investito nel 2017 in IdeaMI S.p.A., una Special Purpose Acquisition Company (SPAC) promossa da DeA Capital e Banca IMI, che puntava a portare in quotazione in un arco temporale di 2 anni, realtà industriali italiane con valutazioni e taglia superiori a quanto fatto dal mercato e dagli altri operatori fino ad oggi. Nel novembre del 2018 era stata annunciata la potenziale business combination con Agrati S.p.A., uno dei principali produttori mondiali di sistemi di fissaggio nel settore dei componenti automotive, che non è stata approvata dall’assemblea dei soci. Nel corso del 2019 i promotori hanno valutato diversi investimenti senza mai giungere all’individuazione di una nuova società target, pertanto, decorsi i 24 mesi dalla costituzione, a dicembre 2019 è stato nominato il liquidatore che procederà al miglior realizzo degli assets.

La Finanziaria Trentina detiene una quota dello 0,80%.

Aquafil S.p.A. – partecipata

www.aquafil.com

La Finanziaria Trentina, che era precedentemente investita in TH Co-Invest S.C.A., società che deteneva, nel 2017, tramite il veicolo TH IV il 9% del capitale di Aquafin Capital, società capogruppo di Aquafil S.p.A., ha nel corso del 2019 acquistato in più tranches azioni Aquafil, quotate in Borsa Italiana sul segmento STAR, a seguito della business combination con la SPAC Space3, fino a raggiungere una quota dello 0,44%.

Aquafil S.p.A. dal 1969 è uno dei principali attori, in Europa e nel mondo, nella produzione di fibre sintetiche utilizzate sia nella pavimentazione che nell’abbigliamento. Il Gruppo, con i suoi 500 milioni di Euro di giro d’affari, è punto di riferimento per qualità, innovazione e nuovi modelli di sviluppo sostenibile e dal 2008 ha creato la Business Unit Energy & Recycling, che si pone al servizio di tutte le strutture produttive del Gruppo e, attraverso il prodotto Econyl, promuove l’utilizzo di materie prime da riciclo.

Il Gruppo è presente nel mondo con oltre 2.900 dipendenti e con 16 stabilimenti in 3 continenti (Europa, America, Asia) e in 7 Paesi (Italia, Slovenia, Croazia, Regno Unito, Stati Uniti, Thailandia e Cina).

Infrastrutture

Fin dai primi anni di operatività, la società ha investito nel settore infrastrutture, come richiamato dall’ art. 4 dello Statuto Sociale “… assunzione di partecipazioni con particolare riguardo a investimenti mirati nei settori delle infrastrutture e nelle aziende ad essi connesse …“, con l’obiettivo di partecipare a grandi progetti legati allo sviluppo di reti infrastrutturali lungo un asse strategico come quello del Brennero.

Interporto Servizi S.p.A. – collegata

Trattasi della società di servizi del gruppo Interbrennero (vedi investimento sotto), operativa presso la struttura interportuale ubicata a Trento Nord. La società, partecipata al 45,22% da La Finanziaria Trentina e controllata da Interbrennero S.p.A. con il 54,78%, ha avuto un ruolo guida nella costruzione, gestione ed allocazione di capannoni ed uffici nel moderno “Pianeta Logistica”. Il compendio, situato nell’area interportuale di Trento, dispone di una superficie coperta pari a circa 35 mila mq suddivisi in magazzini (32 mila mq) e uffici (3 mila mq), dove trovano collocazione i principali operatori commerciali all’ingrosso del territorio. Ad oggi, Interporto Servizi ha in proprietà circa 10 mila mq del citato compendio e 5 moduli magazzino situati in posizione limitrofa e in cui è ubicata l’attività di alcuni operatori locali.

Logos Progetti S.r.l. – collegata

La Finanziaria Trentina, a settembre 2019, ha investito nel settore della logistica del “freddo” attraverso l’acquisizione del 30% delle quote di Logos Progetti S.r.l.

Logos Progetti è conduttrice in leasing di uno stabile adibito ad uso produttivo e destinato alla conservazione di prodotti alimentari surgelati, costruito nel 2010, in zona artigianale ed industriale della città di Verona, perfettamente inserite nel polo logistico del Nord-Est.

L’entrata de La Finanziaria Trentina nella società è finalizzata all’acquisto di due terreni, adiacenti all’attuale compendio immobiliare, sui quali realizzare un nuovo stabilimento al fine di triplicare l’attuale piattaforma logistica di gestione del freddo (stoccaggio a temperature tra i -18°C ed i -28° C) e metterla a disposizione di un primario operatore industriale.

Interbrennero S.p.A. – partecipata

www.interbrennero.it

È la società di gestione situata presso l’area interportuale di Trento Nord, operativa sia nella gestione immobiliare delle principali aree, tra cui l’autoporto, sia nel settore intermodale, per effetto dell’attività di handling, del trasporto combinato su rotaia e dei servizi di autostrada viaggiante.

La società è controllata dalla Provincia Autonoma di Trento con una quota pari a circa il 63%, mentre La Finanziaria Trentina è investita con una piccola quota pari allo 0,42%.

Ad oggi Interbrennero, nonostante il ridimensionamento del volume dei flussi registrato negli ultimi anni, continua ad essere un’importante struttura nazionale specializzata nel traffico intermodale, che fungerà da area di sbocco per le merci che transitano lungo l’asse del Brennero, una volta ultimato il Tunnel del Brennero che collegherà l’Italia con l’Europa continentale via rotaia.

Sviluppo Aree Sciistiche S.p.A.- partecipata

www.ski.it

Si tratta del veicolo societario costituito nell’estate 2017, su iniziativa del socio industriale Funivie Madonna di Campiglio S.p.A., al fine di presentare alla curatela del fallimento Aeroterminal, avente ad oggetto l’acquisto del 68,99% del capitale di Valli di Sole Peio e Rabbi S.p.A. e del 3,94% del capitale di Funivie Folgarida Marilleva S.p.A.

A seguito della positiva aggiudicazione e di una serie di acquisizioni successive di quote azionarie minori, ad oggi Sviluppo Aree Sciistiche S.p.A. detiene oltre il 50% di Funivie Folgarida Marilleva.

Il progetto ha una grande valenza industriale e territoriale, e per tali motivi il socio industriale Funivie Madonna di Campiglio (che ora detiene circa il 70% del capitale) ha coinvolto in Sviluppo Aree Sciistiche sia una compagine di operatori locali (circa il 15%) sia 5 istituzioni finanziarie trentine, tra cui La Finanziaria Trentina, intervenute con quote paritetiche del 3% circa.

Obiettivo di lungo termine, sarà quello di giungere ad un unico soggetto giuridico, focalizzato sull’area delle Dolomiti di Brenta e operativo nella gestione del carosello SkiArea Campiglio che ad oggi dispone di 100 piste estese per 150 km, il 95% delle quali dotate di innevamento programmato, con 60 impianti di risalita, 4 snowpark e piste attrezzate per lo sci in notturna, che ad oggi ospitano oltre 2 milioni di turisti l’anno in costante crescita.

Venture Capital

A completamento del proprio portafoglio investimenti, La Finanziaria Trentina ha destinato una limitata parte delle proprie risorse ad iniziative di venture capital sul territorio, a supporto dell’industrializzazione delle ricerche scientifiche/tecnologiche locali in partnership con soci del settore. Tali investimenti sono perseguiti mediante la partecipata Trentino Invest.

Trentino Invest S.r.l. – partecipata

www.trentinoinvest.it

La società è stata costituita a fine 2012 e rappresenta una joint-venture tra operatori finanziari trentini per investimenti sul territorio in società ad alto potenziale di crescita, ma che per la loro struttura patrimoniale faticano ad accedere al credito bancario. La Finanziaria Trentina detiene una quota del 12%, dopo una riorganizzazione societaria che ha visto, a fine 2018, l’ingresso nella compagine di Fondazione Caritro e Agriduemila e la sottoscrizione di un Aumento di Capitale effettuato sia da parte dei soci fondatori (Trentino Sviluppo, La Finanziaria Trentina, ISA e Fincoop) che dai nuovi soci. La quota detenuta dalla finanziaria pubblica locale (Trentino Sviluppo) non garantisce poteri sulla governance, che è riservata ai soli soci privati. La società non è dotata di personale dipendente, ma affida in outsourcing ai propri soci le attività necessarie al suo funzionamento.

Ad oggi la società ha portato a compimento due investimenti, uno in Alia Therapeutics S.r.l., start-up italiana per la cura delle malattie genetiche che ha come obiettivo primario quello di sviluppare nuove cure per patologie genetiche incurabili causate dalla mutazione di un singolo gene ed il secondo, partito a fine 2017, mediante la sottoscrizione di una serie di aumenti di capitale di Walliance S.p.A., società tecnologica trentina che gestisce una piattaforma di equity crowdfunding nel settore immobiliare (terza in Italia per campagne crowdfunding concluse con successo).

È poi stato erogato un prestito, con possibilità di conversione in equity, a Nano Tech Projects S.r.l., società che opera nel settore della diagnostica per immagini d’urgenza.